“Alla Scoperta del Fotovoltaico”

 

Il fotovoltaico garantisce molti vantaggi sotto diversi punti di vista: economico, ambientale e di immagine. In virtù di questi vantaggi costituisce oggi una delle forme di produzione di energia da fonti rinnovabili a più larga diffusione a livello mondiale e maggiormente incentivata dalle politiche energetiche di molti paesi. Il fotovoltaico è in effetti oggi una forma di investimento redditizia e sostenibile, a condizione che l’impianto sia realizzato con i giusti requisiti.Innanzitutto sfruttare l'energia solare per produrre la corrente elettrica necessaria ad alimentare le apparecchiature della nostra abitazione è una scelta consapevole verso il rispetto e la salvaguardia dell'ambiente che ci circonda, apportando numerosi vantaggi come l'indipendenza dai combustibili fossili - fonti esauribili - per rivolgerci all'utilizzo di risorse pulite e rinnovabili. Una tale premessa crea delle vere e proprie opportunità che rendono l'installazione di impianto fotovoltaico una scelta irrinunciabile.

L'INESAURIBILITÀ DELL'IRRAGGIAMENTO SOLARE

L'irraggiamento solare è una fonte pulita, rinnovabile e soprattutto inesauribile e per questo, permette di pensare al futuro senza la paura di rimanere senza combustibile. Il Sole riscalda la terra ogni giorno producendo una quantità di energia nettamente superiore a soddisfare le nostre esigenze energetiche, a differenza dei combustibili fossili, fonti esauribili e non presenti su tutto il territorio che, per essere sfruttate da tutti in modo autonomo, devono essere acquistate dai paesi detentori. Per questo motivo, il prezzo dei combustibili aumenta progressivamente in rapporto alla domanda sempre più alta: la società moderna, infatti, implica, nel progresso, un fabbisogno energetico sempre più elevato. Ciò significa che, senza una nuova politica energetica, nel giro di pochi anni, le risorse di petrolio, uranio, metano e petrolio non esisteranno più, lasciando la terra totalmente inerme.

Il Sole, invece, potrebbe risolvere il problema mondiale dell'approvvigionamento energetico, considerando la disponibilità delle sue riserve rispetto al fabbisogno dell'umanità. Il solare può produrre energia pulita in maniera “diffusa e distribuita” sul territorio, senza costruire invasive mega centrali a gas e carbone

 

ASSENZA DI PRODUZIONE DI GAS NOCIVI PER L'AMBIENTE E PER L'UOMO

Il fotovoltaico permette di produrre energia elettrica senza alcuna emissione di gas serra, a differenza delle fonti energetiche fossili, altamente inquinanti. E’ calcolato che, per ogni chilowattora di energia fotovoltaica prodotta, si evita l’emissione in atmosfera di oltre 500 grammi di anidride carbonica. Secondo un dato accertato, in un impianto fotovoltaico, un 1 kWp produce in 20 anni 26000 kWh, ovvero, 1300kWh all'anno. Ciò significa che ogni kW di fotovoltaico installato nella nostra abitazione permette di risparmiare 6.500 kg di combustibile fossile che produrrebbero 20.800 kg di anidride carbonica.
Bisogna considerare, inoltre, che con l'installazione di un impianto fotovoltaico, la salvaguardia dell'ambiente è intrinseca anche nella riduzione dei processi di trasporto, lavorazione o smaltimento di materie prime dannose per l'uomo.Per quanto riguarda, inoltre, l’energia utilizzata per la produzione dei moduli fotovoltaici, si stima che venga restituita in misura 
9 volte maggiore dai moduli stessi, nell’arco della loro vita produttiva. In particolar modo, il tempo di pay-back energetico dei moduli in silicio policristallino è di 3-4 anni, mentre per i moduli a film sottile questo si riduce a 1 o 2 anni. Il fotovoltaico, potendo utilizzare superfici già occupate o non sfruttabili per pascoli o coltivazioni,  si può inserire in maniera poco invasiva nel contesto ambientale e l’impianto  ha un minimo impatto visivo, che si annulla completamente nel caso di totale integrazione architettonica, cioè quando i moduli sostituiscono il manto di copertura di un tetto o di una parete (coppi, lamiera, etc.). L’impianto richiede inoltre la realizzazione di poche opere civili nel sito di installazione e, producendo energia direttamente nel luogo del consumo, non necessita di infrastrutture per la distribuzione dell’energia stessa. Per questo motivo, infatti, è anche molto più efficiente delle tradizionali reti di trasmissioni elettriche in quanto l’autoconsumo “sul posto” annulla completamente le dispersioni e le inefficienze della rete elettrica nazionale. L’impianto fotovoltaico è inoltre totalmente rimovibile, consente infatti l’agevole ripristino del sito al termine della vita di esercizio ed è facilmente smaltibile e riciclabile. Un impianto fotovoltaico, infine, non produce nessuna emissione sonora non avendo parti meccaniche in movimento.

Fotovoltaico come investimento per il futuro

Dal punto di vista economico, occorre considerare che la scelta di installare un impianto fotovoltaico per soddisfare i propri consumi energetici permette un risparmio di denaro nel medio periodo rispetto al tradizionale acquisto di energia in bolletta. Infatti, a fronte di un investimento iniziale, che non è più consistente quanto qualche anno fa, per mezzo dell’energia prodotta è possibile recuperare la spesa nel corso della vita produttiva dell’impianto, che si attesta attualmente attorno ai 30 anni. Nel medio periodo, quindi, anche in virtù del fatto che il prezzo dell’energia ricavata da fonti fossili è plausibilmente destinato ad aumentare, investire nel solare è una scelta economicamente conveniente. Convenienza che risulta tanto maggiore quanto si è in grado di autoprodurre ed auto consumare la propria energia. Per tutto il 2018 è inoltre possibile usufruire di agevolazioni fiscali sulle spese di installazione per gli impianti domestici: si tratta delle detrazioni fiscali Irpef del 50% sulle spese sostenute. La detrazione fiscale viene spalmata in 10 rate annuali e di fatto garantisce un guadagno equiparabile agli incentivi degli anni passati. Per 20 anni l’impianto godrà dello scambio sul posto, si configura come una sorta di rimborso o compensazione che il Gse eroga al produttore che decide di immettere in rete l’energia non immediatamente autoconsumata.            

L’energia non immediatamente autoconsumata viene immessa in rete. Questo meccanismo permette la compensazione economica tra il valore dell’energia immessa in rete e ri-prelevata dalla rete per i propri consumi. L’energia immessa nella rete elettrica è tutta quella non immediatamente autoconsumata.

 

 

 

Contatti

EcoHabit srl
Via Francia 70
00041 Albano Laziale

Tel. +39 069343362

E-mail info@eco-habit.it

Orari di apertura

Il nostro Studio è aperto nei seguenti orari:

Lun/Ven dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 18:30 

Progetti realizzati

Grazie alla nostra esperienza abbiamo realizzato vari progetti di alta qualità, ottenendo la massima soddisfazione dei nostri clienti.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© EcoHabit srl Partita IVA: IT11624331002